Ultrasuonoterapia

L’ultrasuonoterapia utilizza onde sonore meccaniche (ultrasuoni) a scopo terapeutico.
I principali effetti biologici prodotti nei tessuti sono di tipo termico e meccanico con aumento del metabolismo locale, riattivazione della circolazione, diminuzione delle contratture, riduzione dell’edema, fibrinolisi dei tessuti cicatriziali.
L’ultrasuonoterapia può essere applicata direttamente a contatto con la superficie da trattare o indirettamente, attraverso l’immersione dell’erogatore e della superficie da trattare in acqua.

INDICAZIONI

  • Edemi post-traumatici
  • Ematomi organizzati
  • Contratture muscolari
  • Cicatrici e cheloidi
  • Ulcere trofiche
  • Morbo di Dupuytren
  • Tendinopatie
  • Borsiti
  • Artrosi
  •  Sciatalgie e nevralgie

CONTROINDICAZIONI

  • Infezione acuta dei tessuti molli/ossa
  • Nuclei di accrescimento
  • Malattie della coagulazione del sangue
  • Gravidanza
  • Neoplasie
  • Portatori di pacemaker
  • Vicinanza delle sede da trattare a cristallino, gonadi, encefalo, orecchio
  • Arteriopatie obliteranti, malattia di Reynaud, ulcere cutanee, ipersensibilità al freddo, tromboflebiti (nel caso della crio-ultrasuonoterapia)