LA FISIOTERAPIA E IL FISIOTERAPISTA: cenni storici, sociali e giuridici.

Per tantissimi anni la figura del fisioterapista è stata associata a quella di uno stregone o di un “aggiustaossa”, ma in realtà i benefici dei trattamenti manuali erano ben noti già dall’antichità.
Ippocrate, il padre della medicina, riconosceva l’utilità e l’efficacia di alcune terapie manuali come il massaggio, l’idroterapia e la talassoterapia, e le applicava ai suoi pazienti.

Il primo fisioterapista, come lo intendiamo al giorno d’oggi, può essere considerato lo svedese Pehr Henrik Ling, fondatore della cosiddetta “Ginnastica svedese”.
Da quel momento in poi, la fisioterapia venne riconosciuta in tante altre nazioni e la figura del fisioterapista iniziò ad uscire dall’ambito strettamente ospedaliero.

L’avanzare della tecnologia e delle conoscenze in ambito medico rendeva possibile la sopravvivenza a molti più individui rispetto a prima, che però restavano altamente danneggiati; inoltre l’epidemia della poliomielite, lasciava spesso ai sopravvissuti gravi problematiche motorie e respiratorie.
Tutto ciò, ha reso indispensabile un veloce progresso per quanto riguarda la rieducazione motoria e anche un’evoluzione dal punto di vista delle protesi.

IL FISIOTERAPISTA AL GIORNO D’OGGI

Tra la fine del 1800 e la prima metà del 1900, vengono introdotte tecniche di massaggio e vengono fatti numerosi studi che prendono in considerazione il movimento, e di fatto si gettano le basi per lo sviluppo di quella che oggi viene meglio definita Kinesiterapia.

Nel ’78, con la nascita del Servizio Sanitario Nazionale, vengono definite le “Prestazioni di Riabilitazione” che sono quelle prestazioni volte al recupero funzionale dei pazienti.

All’inizio degli anni ’90, finalmente, vengono individuate diverse figure professionali sanitarie, tra cui il fisioterapista, e vengono redatti i relativi profili professionali.

Il profilo professionale del fisioterapista è individuato nel D.M. 741/94:
Il Fisioterapista è un professionista della Sanità in possesso del diploma di Laurea o titolo equipollente, che lavora, sia in collaborazione con il Medico e le altre professioni sanitarie, sia autonomamente, in rapporto con la persona assistita, valutando e trattando le disfunzioni presenti nelle aree della motricità, delle funzioni corticali superiori e viscerali, conseguenti ad eventi patologici, di varia eziologia, congenita o acquisita.

Nel 2018, nasce con il D.M. 13 Marzo 2018, l’albo dei fisioterapisti, la cui iscrizione è resa obbligatoria per poter esercitare la professione.

Al giorno d’oggi la fisioterapia ha un campo di applicazione vastissimo e si occupa di tantissime aree: ortopedica, neurologica, cardiologica, pneumologica, ginecologica, reumatologica, pediatrica e geriatrica. Esistono tantissime tecniche e metodiche riabilitative, tecniche di terapia manuale e strumentale, tecnologie al servizio del recupero funzionale.

“Le sfide sono ciò che rendono la vita interessante… Superarle è ciò che le dà significato.”  Joshua J. Marin


Siamo qui per Voi.

Cames, centro di fisiokinesiterapia convenzionato con il SSN
Via Iperione, 11
Zona Torre Angela
☎️ 06 200 5871
Whatsapp, social network Icon 327 6629586