Sindrome da attrito acromio-omerale

La sindrome da attrito acromio-omerale è causata dall’attrito tra la cuffia dei rotatori e il margine anteriore dell’acromion (osso localizzato nella spalla al di sopra della testa dell’omero) nei movimenti di flessione e abduzione del braccio. Le cause più frequenti sono una particolare forma dell’acromion, un suo ispessimento o l’artrosi dell’articolazione acromio-claveare. Il quadro è caratterizzato inizialmente da una reazione infiammatoria cronica seguita da un interessamento dei tendini della cuffia dei rotatori soprattutto il sovraspinoso che può andare incontro a lesione.

Segni e sintomi: dolore alla spalla continuo accentuato dalla flessione e dall’abduzione del braccio, spesso riferito a livello della regione laterale del braccio.

Diagnosi: clinica basata sulla positività a test provocativi specifici; strumentale basata su radiografia o risonanza magnetica della spalla.

Trattamento: conservativo, con terapia farmacologica antinfiammatoria, fisioterapia, terapia strumentale (onde d’urto, laser hilt, laserterapia, ultrasuoni, tecarterapia, ionoforesi), taping neuromuscolare, infiltrazioni con cortisone. Chirurgico, se la sintomatologia persiste o è recidivante.