Disfunzioni del pavimento pelvico

Il pavimento pelvico è quella struttura muscolo-tendinea che chiude in basso lo spazio addominale e contiene i visceri al suo interno.

Il pavimento pelvico partecipa attivamente alle attività degli organi pelvici (vescica, utero, retto) intervenendo sulle funzioni urinarie, fecali, sessuali e riproduttive.

Segni e sintomi

Le disfunzioni del pavimento pelvico possono portare a diversi quadri:

  • Sintomi urinari (incontinenza, difficoltà alla minzione, incompleto svuotamento vescicale, urgenza minzionale, senso di peso pelvico, etc.).
  • Sintomi fecali (incontinenza ai gas o feci, stipsi, difficoltosa defecazione, malattia emorroidaria o ragadi anali ricorrenti, senso di incompleto svuotamento, evacuazioni ripetute, etc.).
  • Sintomi sessuali (dolore o impossibilità ad avere rapporti sessuali, riduzione della sensibilità vaginale e del piacere sessuale, difficoltà o impossibilità a raggiungere l’orgasmo ed alcune forme di impotenza maschile).

Diagnosi

L’esame obiettivo è il primo approccio per una valutazione; ci sono poi diversi esami strumentali che lo specialista potrebbe consigliare di eseguire per porre una diagnosi più precisa, tra questi l’ecografia pelvica e transvaginale.

Trattamento

La riabilitazione è un valido supporto nella cura delle patologie di questo distretto:

  • Miglioramento del dolore lombare grazie al corretto allineamento del bacino e del perineo e, quindi, della postura;
  • Maggior controllo sui muscoli del perineo durante lo starnuto e/o il colpo di tosse;
  • Maggiore consapevolezza del processo del parto;
  • Preparazione pre-chirurgica per migliore esito post-chirurgico con velocizzazione dei tempi di recupero;
  • Recupero del piacere sessuale.

Grazie alla riabilitazione il paziente viene educato alla gestione delle sue problematiche nella quotidianità e diventa consapevole dei corretti movimenti da effettuare per prevenire recidive.